Avere un blog vuol dire parlare ai tuoi clienti come se li avessi di fronte

Nel mondo del Web Marketing l’importanza di avere un corporate blog è ormai un’idea acquisita. Purtroppo però questo strumento così potente rischia di diventare controproducente se non si usa nel modo giusto.

L’errore più frequente che le aziende commettono è quello di gestire un blog senza avere una strategia definita e integrata con tutti gli altri canali di comunicazione: questo ostacola il raggiungimento di risultati soddisfacenti con il conseguente abbandono del blog dopo pochi mesi. Un altro errore molto comune è quello di usarlo come contenitore di comunicati stampa e comunicazioni asettiche senza rendersi conto della natura stessa di questo strumento, nato per comunicare direttamente con i propri clienti, raccontando l’anima di una attività.

Il perché aprire un blog aziendale è molto semplice: fare in modo che i tuoi potenziali clienti trovino il tuo sito, ottimizzando la tua reperibilità sul web.

Ma un blog non è solo questo. Scriverci è come essere nella vita reale: immagina che un cliente entri nella tua libreria e ti chieda un consiglio su un romanzo giallo da comprare, tu inizieresti a parlare dei maestri del giallo, dei grandi classici, della tipologia del giallo psicologico, della letteratura nostrana legata al genere, di quella internazionale, ti informeresti sulle sue preferenze e inclinazioni e sapresti consigliargli il libro adatto alle sue esigenze. Hai conquistato la fiducia del cliente e sicuramente lui tornerà da te la prossima volta. Un blog è questo, è parlare ai tuoi clienti come se li avessi di fronte.

Ma quali sono i cinque motivi per cui aprire un blog aziendale e gestirlo con una strategia studiata e pianificata può fare la differenza tra te e i tuoi competitor?

 

– Dialogo e anima. La differenza tra la mera comunicazione pubblicitaria e un blog non è solo nella forma e nel contenuto del messaggio ma sta soprattutto nel rapporto tra mittente e destinatario. Il dialogo non è unidirezionale, come in un sito web, ma bidirezionale e aperto allo scambio. Non stai persuadendo, stai spiegando e condividendo. Questo non vale solo per i potenziali clienti ma anche, e forse di più, per quelli che hanno già acquistato un tuo prodotto o servizio. Renderli più partecipi e coinvolti farà sì che la prossima volta tornino da te.

 

– È solo tuo. Ogni giorno nella tua attività di marketing ti trovi di fronte ad un meccanismo frustrante: produci contenuti, molto spesso di qualità, e li inserisci in piattaforme esterne. Questo aldilà del vantaggio di pubblicizzare la tua azienda, porta però traffico su qualcosa che non è tuo. Il blog invece è una tua creatura, puoi personalizzarlo come meglio credi, tenendo sotto controllo i contenuti che produci, permettendo di fare lead generation.

 

– Qual’è la tua storia? Un blog non deve solo vendere qualcosa ma deve raccontare l’anima della tua attività. Quali sono i suoi valori, perché è diversa da tutte le altre. La componente autobiografica è sempre stata una caratteristica peculiare dei blog, fin dalla loro comparsa. Questo crea una forte componente di umanità del brand che avvicina le persone, guadagna la loro fiducia. A tutti piacciono le storie: raccontarne una è una strategia vincente per catturare l’attenzione del potenziale cliente, creando un’emotività del prodotto di cui si sta parlando.

 

Leggi anche: Storytelling aziendale: l’arte di raccontare la storia di un brand

 

Può farti scalare la classifica. Una volta, se avessi aperto una profumeria in un quartiere periferico in una via dove non passa mai nessuno, saresti stato quasi sicuramente destinato al fallimento. Adesso parti dalla stessa situazione ma gli strumenti sono diversi. Quando apri il tuo sito Web ti vai a posizionare nella periferia di Google. Se non lavori sull’ottimizzazione è altamente improbabile che tu ottenga più di 10 visitatori. Un blog è lo strumento fondamentale per scalare la classifica dei motori di ricerca. Ma a 4 condizioni:

  1. Devi aggiornare il tuo blog costantemente
  2. Devi avere una strategia ben definita e chiara con contenuti di qualità
  3. L’ottimizzazione SEO è fondamentale
  4. Così come il Link Building

 

Crea la tua community. Molto spesso la funzione relazionale viene sottovalutata nel mondo digitale, anche se in realtà ne è una parte fondamentale. In questo senso il blog funziona un po’ come i social media. Rispondere ai commenti, trattare argomenti di interesse comune, interagire con i tuoi clienti, alla lunga crea uno spazio in cui dialogare ogni giorno. Questo è il primo passo per costruire l’autorevolezza della tua azienda nel tuo settore.

 

Un blog ben fatto può davvero fare la differenza, ma deve essere curato e pianificato in ogni suo dettaglio.

E tu? Hai già il tuo corporate blog e vorresti migliorarlo? Oppure vuoi crearne uno per ottimizzare l’indicizzazione della tua attività? Contattaci tramite il nostro form e troveremo la soluzione perfetta per te.

The following two tabs change content below.

Martina Mugnaini

Nata e vissuta a Roma, ho un ancestrale e inscindibile legame con le mie origini fiorentine. Classe 1991, Laureata in Letteratura e lingua alla Sapienza. Sono una giornalista e amo scrivere di tutto quello che riguarda l’arte, la cultura, la letteratura ed il teatro. Lavoro nel campo del Web Writing dei Social Media e della Comunicazione. Bibliofila e compratrice compulsiva di libri di qualunque genere, meglio se antichi: d'altronde “I libri sono riserve di grano da ammassare per l’inverno dello spirito” e se lo dice la Yourcenar sarà vero